L’insostenibile inquinamento della moda

inquinamento moda

La moda inquina tanto, troppo.

Se ti dicessimo che il mondo del fashion è una delle industrie più inquinanti del mondo, ci crederesti?

Probabilmente non ci hai mai neanche fatto caso, ma devi sapere che il modo in cui compri, la scelta dei capi e soprattutto la fine che fai fare ai vestiti che non usi più, hanno un impatto incredibile sul pianeta.

Oggi vogliamo approfondire con te questo tema fondamentale per il nostro futuro.

Andiamo a scoprire insieme quanto e come è possibile che l’industria fashion possa inquinare così tanto.

La fast mood

Le cause principali sono l’enorme quantità di indumenti prodotti e l’estrema velocità con la quale vengono distribuiti e utilizzati. Considera che rispetto a cinquant’anni fa l’acquisto di capi di abbigliamento è triplicato.

La gente compra quantità maggiori ad un ritmo sempre più veloce. Coloro che producono i capi vogliono essere in grado di metterli a disposizione nel minor tempo possibile.

Queste necessità hanno dato vita alla fast mood, che si traduce in vestiti a prezzi ridotti e dalla qualità scadente, lavorati usando strumenti e agenti inquinanti, da lavoratori minorenni sottopagati.

Capi che vanno a finire nella spazzatura troppo velocemente, senza essere riciclati.

Il risultato è un impatto enorme e devastante sull’ambiente.

fast fashion moda

L’impatto della moda

Per avere un’idea più chiara e corretta dell’effetto che la moda ha sull’inquinamento è necessario dare un’occhiata a certi numeri.

Per questo ho deciso di creare una lista di punti riguardo agli impatti più considerevoli del mondo fashion:

  • Causa il 20% dello spreco globale di acqua
  • Provoca il 10% di emissioni di anidride carbonica
  • Responsabile per il 24% dell’uso di insetticidi
  • Colpevole per l’11% dell’uso di pesticidi
  • L’85% dei vestiti finisce in discarica
  • Solo l’1% dei capi viene riciclato o rigenerato
  • Dal 2000 il consumatore medio acquista il 60% in più
  • Il settore vale 2,5 migliaia di miliardi di dollari a livello globale

Questi dati permettono di avere una fotografia chiara e drammatica della situazione attuale. Il mondo della moda, in termini di inquinamento, è dietro solo all’industria del petrolio e del gas.

Non di certo un risultato del quale andare fieri.

inquinamento industria

Possibili soluzioni

Il primo passo fondamentale è stato fatto dalle Nazioni Unite, che quattro anni fa hanno stabilito 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) da raggiungere entro 2030.

Considerando il peso in termini di denaro e l’effetto che ha avuto fino ad ora, il mondo della moda potrebbe dare una grossa mano nel raggiungimento di questi obiettivi.

È necessario un lavoro di informazione, che raggiunga il maggior numero possibile di persone in tutto il mondo.

Il problema principale è l’ignoranza della popolazione riguardo al fatto che l’atto di comprare una maglietta a un prezzo ridotto può significare la morte di un bambino dall’altra parte del globo.

Uno dei segnali positivi è l’aumento di coscienza sempre più visibile nei paesi sviluppati. La nascita di realtà che si focalizzano sul creare un prodotto che sia ecosostenibile.

Come noi di Rifò, che come mantra abbiamo il riutilizzo dei materiali e una qualità di alto livello.

Conclusioni

Eccoci arrivati alla fine dell’articolo.

Siamo certi che hai capito quanto l’industria della moda stia giocando il suo ruolo nel distruggere il pianeta.

Devi sapere che la differenza la fanno i piccoli gesti quotidiani di ognuno di noi. Inizia a comprare di meno, fai attenzione alle etichette e cerca capi di qualità.

Butta con minore frequenza e prova a dare nuova vita a quegli indumenti che consideri inutili. La tua azione potrà servire come esempio a qualcun altro e così via.

Se non sai da dove iniziare, dai un’occhiata al nostro shop online e scegli il capo di abbigliamento che più ti piace.

Un piccolo passo per fare davvero la differenza!